domenica 11 marzo 2012

pescheria

a Trieste  - "ove son tristezze molte e bellezze di cielo e di contrada" per dirla con il  poeta  - c' era in Riva Nazario Sauro la Pescheria Centrale, costruita ancora in epoca austro-ungarica nel 1913 da certo architetto Giorgio Polli, ispiratosi al modello basilicale  di edificio pubblico della romanità classica

tre ampie navate destinate al vero e proprio mercato  al minuto  aperto al pubblico,  un pronao  per le aste del pesce, una struttura a campanile,  bella trovata architettonica per ospitare in posizione elevata il serbatoio d' acqua marina, l' ampio spazio interno suddiviso da pilastri in cemento armato a sostenere le volte,  le pareti esterne di mattoni e pietra bianca alleggerite dagli ampi finestroni

costruito a pochi metri dal mare in  equilibrio e  perfetta armonia tra  la visione delle acque antistanti e dei begli edifici delle rive subito retrostanti

una  struttura architettonica  sarcasticamente -  vista la destinazione -   pensata a imitazione di  una  chiesa, tant è  che  la proverbiale caustica ironia dei triestini  l' aveva ribattezzata  "Santa Maria del guato"

mi piaceva quando avevo una mattina libera entrare in quegli  spazi ampi e luminosi e lasciarmi assalire  dall' odore penetrante del pesce fresco, coinvolgere  dalle grida e dai richiami dei venditori, osservare l' animazione degli acquirenti in cerca del prodotto più fresco al  miglior  prezzo

tempi andati, con la crisi della pesca e del mercato al dettaglio, tutto è terminato sul  finire del secolo scorso

ora però un bel restauro e recupero funzionale dello storico edificio ha trasformato la Pescheria Centrale in uno spazio espositivo con  auditorium per mostre d' arte e convegni

io lo  trovo bello,  ma  solo se non  ripenso a quelle emozioni ittico marinare di allora e soprattutto se cerco di dimenticare il brutto nome che gli hanno dato, "Il salone degli Incanti", chissa perchè

per me,  ogni volta che  torno a Trieste a  visitare qualche mostra d'arte quel luogo  resta  e resterà  sempre la  Pescheria Centrale

le foto del secolo scorso sono scattate con una vecchia Lubitel, biottica  medioformato sovietica, quelle dei nostri giorni con reflex digitale Nikon D90
















6 commenti:

  1. Ancora una volta una bella storia per accompagnare le tue foto. Quelle fatte con Lubitel sono davvero molto belle. Ti capisco quando dici che per te questo posto restera per sempre la Pescheria Centrale.

    RispondiElimina
  2. Caro Marco,
    proverò ancora una volta a rispondere qui anche se ho paura che le parole spariscano come sempre. Le tue foto della pescheria mi fanno particolarmente piacere, sia perchè, come al solito, sono bellissime, sia perchè la pescheria era il luogo in cui mi portava il nonno Giovanni, papà di mio papà, e dove io non volevo mai andare. Anzi, ripensando a quanto recalcitrassi, mi rendo conto di quanto poco capissi da bambina. Quando poi sono cresciuta e ho capito che il luogo era stupendo, era troppo tardi! Lo spazio espositivo è senz'altro bello, ma vuoi mettere il mercato del pesce!
    Grazie, grazie, grazie
    Susi

    RispondiElimina
  3. Caro Marco, bellissime le vecchie foto della Pescheria Centrale. Che peccato che non ci sia più! Concordo con il precedente commento che l'attuale restauro e utilizzo è senz'altro valido ma sicuramente il mercato del pesce aveva tutt'altro fascino!
    Ciao
    Fabio

    RispondiElimina
  4. ...sic transit...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anonimo,
      i commenti sul mio blog sono sempre graditi, specialmente se completati dal l'aggiunta del proprio nome.

      Elimina