giovedì 22 agosto 2013

bocce alla milanese

il gioco delle bocce pare abbia origini molto lontane nel tempo, antica Roma, Grecia, addirittura tombe dei Faraoni....

si gioca un po' dappertutto, lanciando le bocce rasoterra (la raffa)  o al volo, lungo  il campo rettangolare di circa ventotto  metri per quattro

è riconosciuto dal CONI come vero e proprio sport, non solo passatempo per pensionati

ma a Milano vige uno speciale  "rito Ambrosiano" anche per le bocce

nei bocciodromi delle vecchie osterie e nelle bocciofile si gioca infatti in diagonale, su un campo largo circa 13 metri, formato  da più corsie rettangolari affiancate e separate da una serie di dossi che le bocce devono superare

tanto per fare le cose in grande e più difficili, alla milanese, appunto























4 commenti:

  1. Ciao Marco, che bell'articolo! E che belle foto.
    Hanno tutte una eguale forma di diagonalità (trasversalità tematica) di cui parli nel testo.
    Davvero una bella storia.

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto questo tuo racconto fotografico.

    RispondiElimina