domenica 18 febbraio 2018

a scuola di italiano

diceva don Milani che

solo la lingua rende uguali e ogni parola non imparata oggi è un calcio in culo domani

si riferiva alla drammatica influenza che la classe sociale e lo stato socio-economico  avevano (ed hanno !) per l'accesso alla cultura

per difendersi dal potere, per far valere il proprio diritto ed essere a tutti gli effetti un cittadino occorre sapersi esprimere con le parole e comprendere il linguaggio dei mezzi di informazione

così oggi come sempre imparare  lingua è un elemento fondamentale di integrazione per chi fuggendo da guerre o  sospinto dalla povertà  approda in un nuovo paese

nella disorganizzazione statale del sistema di accoglienza dei migranti nel nostro paese spiccano allora le piccole tante realtà locali basate sul volontariato





Nessun commento:

Posta un commento